Arredamento naturale? Perché scegliere il vero legno

La casa siamo noi. Ogni volta che vi facciamo ritorno è come tornare in noi stessi, è come indossare gli abiti che ci piacciono dai tessuti più belli e salutari. E’ per questo motivo che la scelta dell’arredamento deve essere fatta con cura, proprio a partire dai materiali che introduciamo in casa. Tra le materie prime nobili incontriamo il vero legno che va opportunamente distinto da tutti quei derivati di lavorazione come il tamburato, il truciolato, l’mdf ed il laminato. Discorso a parte va fatto per il lamellare di legno (segmenti di legnomassello assemblati con colle viniliche atossiche) che rientra a pieno titolo nella categoria dei prodotti naturali ed è tra i materiali d’arredo più resistenti. Le caratteristiche del legno dipendono quasi sempre dalla pianta da cui si ottiene il legno.

Tra le essenze che più rispondono ad un buon rapporto qualità prezzo, oltre ad un fondamentale criterio di sostenibilità ambientale, incontriamo i lamellari di abete e faggio dai colori tenui e dall’inconfondibile profumo. Ma cosa intendiamo per sostenibilità ambientale quando parliamo di legno?

Parliamo degli anni di vita del mobile prodotto, in relazione al tempo che impiega l’albero per la sua crescita a pianta adulta. Quanto più tempo durerà il nostro letto, la nostra cassettiera o il nostro armadio e quanto più sarà veloce la crescita dell’albero da cui ottenere il materiale, tanto più sostenibile sarà la nostra scelta.

Il legno al naturale è una materia viva, calda, accogliente e – senza l’impiego di sostanze nocive per la salute – offre la possibilità di personalizzazione per forma, dimensione e colore. Importante, oltre ad orientarsi su linee e forme essenziali, è infatti la scelta di prodotti per la finitura sostenibili per l’ambiente e sicuri per la salute dell’uomo, quali impregnanti naturali, colorazioni ad olio o ad acqua. Perché arredare al naturale è come una terapia: prendersi cura della nostra casa è prendersi cura di noi stessi.